l'edificio

Casa Endrici è un significativo esempio di dimora storica della piccola nobiltà anaune, che si distingue dagli altri edifici del centro storico per l’assenza di annessi rustici e per l’inserimento di decorazioni ed elementi tipici dell’architettura colta. Il palazzetto si compone di due corpi adiacenti, con accessi autonomi, e assunse le forme attuali tra il 1720 e il 1758, date che si leggono nel sottogronda dei prospetti settentrionale e occidentale. Il corpo orientale, tuttora parzialmente abitato, risale al 1755, come si ricava dalla data inserita nella tabella visibile in facciata. I due corpi di fabbrica mostrano la medesima tipologia di finestre con cornici dipinte a finto marmo. A causa della pendenza del terreno, il complesso edificiale presenta sul lato meridionale tre piani fuori terra. Il corpo occidentale reca in facciata un affresco votivo del XVIII secolo ed è completato da una terrazza e da un muro di cinta merlato. Al 1929 risale l’apposizione dell’epigrafe marmorea celebrativa dell’arcivescovo Celestino Endrici, sormontata dal suo stemma scolpitoa rilievo. Acquisito dal Comune di Don nel 1982, fu oggetto nel corso degli anni Novanta di un restauro generale. Un intervento di manutenzione delle facciate e di risanamento della terrazza si è concluso nel 2015.

 

Aperto da sabato 7 luglio a domenica 2 settembre sabato e domenica dalle 15.30 alle 18.30. Visita guidata alle ore 17.30. Costo 4,00 euro. Il palazzo può essere liberamente visitato anche senza guida.

Municipio di Tassullo
Piazza Carlo Antonio Pilati
38010 Tassullo - TN

Tel. 0463 830133
info@visitvaldinon.it
www.visitvaldinon.it

Questo sito utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione.